Il Territorio di Monteveglio

Il Territorio di Monteveglio

E' tutto un gradevole susseguirsi di dolci colline, percorsi dal torrente Samoggia (affluente del Reno) e da altri torrenti minori: il Ghiaia di Serravalle - il Volgolo - il Marzadore chiamato anche Rio Marzaduro.

Sono colline che non raggiungono mai altezze rilevanti il nucleo storico del borgo di Monteveglio tocca il massimo di 280 metri e anche le alture circostanti (Monte Morello, Monte Alfredo, Monte Gennaro e il colle della Cucherla) hanno altezze molto similari.

Nella zona di Monte Morello di pregio la neoclassica Villa Agucchi Bosdari dell'inizio dell'ottocento che fu piu' volte frequentata dai Savoia, e l'Oratorio di Sant'Antonio da Padova del 1696.

La zona evidenzia notevoli risorse naturali: frequenti incontri con la poiana, il nibbio, la gazza, il gheppio; per non parlare degli scoiattoli, dei ghiri, dei tassi e delle donnole che si incotrano frequentemente mentre si aggirano furtivi ma assolutamente a loro agio. Presente anche la volpe.

Nei boschi nocciolo, acero e castagno e fra gli arbusti ginepro, sambuco e pungitopo. E ancora timo, salvia ciclamino e giglio.

Di tanto in tanto negli spiazzi erbosi fanno capolino tavolini e poltroncine in pietra che paiono invitare al ristoro e al riposo e non a caso nella bella stagione durante il weekend la zona e' frequentatissima.